Gabrielli P. “La guerra è l’unico pensiero che ci domina tutti. Bambine, bambini, adolescenti nella Grande guerra”, Rubettino

«Negli anni della Grande Guerra, una raffinata macchina di propaganda coinvolse militari e civili, tra questi ultimi non furono risparmiati bambini e adolescenti». È un estratto del libro di Patrizia Gabrielli “La guerra è l’unico pensiero che ci domina tutti. Bambine, bambini, adolescenti nella Grande guerra”, presentato alla Camera da Flavia Piccoli Nardelli, la sen. Vanna Iori, alla presenza dell’Autrice.

È un libro «che spero inviti ad una riflessione- spiega l’autrice- sul ruolo e il peso della propaganda, che ha sollecitato una visione manichea del mondo, basata sull’antinomia amico-nemico, che è un grave pericolo. Accadde nella Grande Guerra, con bambini coinvolti in una propaganda pervasiva molto articolata, che toccava mente e cuore».

Leopolda9: “Il patrimonio culturale : proposte per il presente e per il futuro”

Pubblichiamo il report del Tavolo 43 Cultura dal titolo “Il patrimonio culturale: proposte per il presente e per il futuro”, prodotto dal gruppo di lavoro riunitosi nella mattinata di sabato 20 ottobre nel corso della nona edizione della Leopolda, a Firenze.

Flavia Piccoli Nardelli ha coordinato l’incontro del Tavolo 43 che ha visto riunite un folto gruppo di persone appassionate e competenti che hanno condiviso idee e proposte confrontandosi su problematiche e progetti di sviluppo riguardo il futuro delle politiche culturali del Partito Democratico.

DEF 2018: parere negativo

Condivido la dichiarazione di Pier Carlo Padoan sulla Nota di Aggiornamento al DEF: «questa NADEF è un documento basato su misure che sono inefficaci, dannose e pericolose per il Paese: sono inefficaci perché non sono iscritte in una visione complessiva e logica di lungo periodo di dove si può portare il Paese; sono dannose perché implicano in molti casi lo smantellamento di misure che già funzionano per trovare risorse che altrimenti non sarebbero disponibili; sono pericolose perché inseriscono nel sistema fattori di rischio, quei fattori di rischio che i mercati già da mesi stanno valutando e ogni giorno che passa costituiscono una tassa crescente, la tassa del Governo sul Paese, una tassa crescente sulle tasche dei cittadini».

Infatti, anche per le parti di comptenza della Commissione Cultura (scuola, università, ricerca e beni culturali) la Nota di aggiornamento del DEF 2018 presentata dalla maggioranza Lega-M5S è non solo generica ma fortemente lacunosa:  si taglia pesantemente sull’alternanza scuola lavoro senza precisare dove saranno destinate quelle risorse; non si capisce come si intenda promuovere l’inclusione scolastica; non sono chiari i progetti per la scuola digitale; nessuna novità sull’edilizia scolastica; non si spiega come saranno finanziate le assunzioni di personale nella scuola e nei beni culturali; non si specifica quale riduzione di risorse comporterà il trasferimento della competenza sul turismo dal Ministero per i beni culturali al Ministero dell’agricoltura; non si fa cenno a misure concrete in favore della ricerca; non si specificano gli strumenti per ampliare la no tax area dell’Università.

Scuola-lavoro, alternanza dimezzata. Si torna indietro di almeno 15 anni

Nel Documento di Economia e Finanza, il documento che è alla base della futura Legge di Bilancio, l’istruzione è uno dei principali settori colpiti dai tagli per finanziare le altre misure del governo Lega-M5S. Nel DEF si taglia sull’alternanza scuola lavoro: meno 50 milioni di euro.

Si tolgono così risorse per aiutare i ragazzi a fare orientamento, esperienze, acquisire competenze quando invece sarebbe fondamentale continuare a costruire una relazione tra saperi e loro applicazioni, tra competenze e loro espressione sociale.

Oltretutto, la legge di bilancio 2017, aveva inserito la possibilità di assumere, entro sei mesi dall’acquisizione del titolo di studio, studenti che avessero svolto, presso il medesimo datore di lavoro, percorsi di alternanza scuola-lavoro per la qualifica e il diploma professionale, godendo di un esonero contributivo.

Un duro colpo per i nostri ragazzi, perché se il legame scuola-azienda si indebolisce, il rischio è rendere incolmabile questo gap e privare così le nuove generazioni di opportunità per il futuro.

Massimo Valsecchi: «la mia Palermo è un’idea di futuro»

Mi ha colpito la lettura dell’articolo di Angela Manganaro “Massimo Valsecchi: «In anni schiacciati sul presente la mia Palermo è un’idea di futuro»”, pubblicato su Il Sole 24 Ore dello scorso 8 ottobre.

Ho conosciuto personalmente Valsecchi durante una visita che la Commissione Cultura fece nella città di Palermo a novembre dello scorso anno. Ricordo con piacere quell’incontro, che si svolse a Palazzo Butera, maestoso edificio del Settecento che si affaccia sul mare, appartenuto ai Principi di Butera. Valsecchi era in abiti da lavoro indaffaratissimo insieme agli operai nel complesso restauro del palazzo. Fu in quell’occasione che ci illustrò il suo progetto che andava ben oltre la ristrutturazione di un prestigioso edificio storico per farne la dimora personale ed esporvi la propria collezione d’arte che vanta nomi del calibro di Annibale Carracci, Andy Warhol, Gehrard Richter e Gilbert&George.