Procida Capitale della Cultura italiana 2022: in moto percorso virtuoso

(ANSA) – ROMA, 19 GEN – «Come deputate e deputati del Pd, membri della Commissione Cultura della Camera, vogliamo esprimere soddisfazione per la scelta di Procida come Capitale della Cultura italiana 2022. Il ministro Franceschini, nelle sue motivazioni ha sottolineato come questa assegnazione determini un percorso di valorizzazione di tutte le città al di là della vincitrice, mettendo in moto un meccanismo virtuoso e attrattivo. Siamo d’accordo e abbiamo potuto apprezzare le virtu’ dei progetti delle altre 9 città finaliste da valorizzare tutte nei diversi elementi attrattivi. Tutti speriamo nel 2022 di essere tornati alla normalità e dunque che la Cultura e il turismo siano tornati fondamentali come prima della crisi dovuta al covid-19», affermano in una nota i deputati e le deputate Pd, membri della commissione Cultura della Camera.

Musei italiani: RipARTiamo

È online il primo video della serie “Musei italiani. RipARTiamo“, realizzati per raccontare le iniziative dei luoghi della cultura statali durante la chiusura per Covid19, dedicato al Museo Nazionale Romano, realizzato dalla Direzione Generale Musei per raccontare le iniziative intraprese dai musei statali durante la fase epidemiologica.

Nella narrazione è emerso l’intenso lavoro condotto a “porte chiuse”, che ha interessato soprattutto interventi difficilmente possibili con la presenza dei visitatori: restauri di opere, ricerche scientifiche approfondite, riallestimento delle sale e ripristino di alcuni ambienti.

Occorre una visione ampia e articolata di rilancio delle politiche scolastiche

Flavia Piccoli Nardelli è intervenuta, nel corso del question time in Aula alla Camera, per replicare alla Ministra dell’Istruzione Lucia Azzolina che rispondeva ad un’interrogazione del Partito Democratico in merito alla rilevazione delle perdite di apprendimento connesse al prolungamento della didattica a distanza e intendimenti in ordine all’eventuale previsione di un recupero formativo o del prolungamento dell’anno scolastico

Anticipare vaccini al personale docente e scolastico

(ANSA) – ROMA, 11 GEN – «Abbiamo chiesto con un emendamento ai decreti emergenza COVID di modificare il piano vaccinale anticipando la campagna per il personale docente e scolastico alla prima fase anziché farli partire dalla seconda in cui rientrerebbero nei servizi essenziali. Riteniamo utile e urgente, dopo aver messo in campo risorse e mezzi per garantire continuità educativa e didattica, agire per raggiungere l’apertura ordinata e celere delle scuole di ogni ordine e grado», lo dichiarano in una nota la capogruppo Pd in Commissione Affari sociali di Montecitorio, Elena Carnevali e la capogruppo Pd in Commissione Istruzione e Cultura alla Camera, Flavia Piccoli Nardelli.

Istat: produzione e lettura di libri in Italia

L’Istituto di Statistica ha pubblicato il report “Produzione e lettura di libri in Italia, anno 2019

Nel 2019 sono stati pubblicati in media 237 libri al giorno, quasi 1,3 libri ogni mille abitanti; di questi, due terzi sono novità (58,4%) e nuove edizioni (8,5%).

Il 40,0% della popolazione di 6 anni e più legge almeno un libro all’anno. Il 77,2% dei lettori legge solo libri cartacei, il 7,9% solo e-book o libri on line.

Bozza PNRR, AgCult.it: risorse per Turismo e Cultura salgono a 8 mld

AgCult.it ha visionato il documento che andrà in Consiglio dei Ministri: la componente cultura e turismo è stata “significativamente rafforzata” e mira ad incrementare il livello di attrattività del sistema turistico e culturale del Paese

Salgono a 8 i miliardi destinati ai settori cultura e turismo nelle nuove linee di indirizzo del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza che AgCult ha potuto visionare e che verranno sottoposte al prossimo Consiglio dei ministri, in linea con le richieste avanzate negli scorsi giorni da Italia Viva che chiedeva per i due settori maggiormente colpiti dalla crisi stanziamenti per 9 mld. La precedente bozza prevedeva per i due comparti circa 3,5 mld.

Spettacolo dal vivo, Franceschini: 50 milioni di euro in più per il FUS e nuovi criteri per l’attribuzione delle risorse nel 2021

Ampliato a nuovi generi e settori, dal jazz ai live club, dalla musica contemporanea a quella d’autore

«50 milioni di euro in più per il Fondo unico dello spettacolo e nuovi criteri di attribuzione delle risorse per ampliare il numero dei beneficiari, estendere i contributi a settori finora mai raggiunti e proseguire e rafforzare le azioni di tutela e protezione dei lavoratori» così il Ministro per i beni e le attività culturali e per il turismo, Dario Franceschini, annuncia la firma del decreto che determina nuovi criteri e modalità per l’erogazione, l’anticipazione e la liquidazione dei contributi allo spettacolo dal vivo.