Coronavirus: AIE, “55 le piattaforme e 2milioni i contenuti digitali a supporto della didattica e ricerca universitaria italiana”

Sono ben 55 le piattaforme e circa 2milioni i contenuti digitali che l’editoria universitaria e professionale sta offrendo sul mercato per accompagnare la didattica e la ricerca universitaria in questo momento difficile. È quanto emerge dalla rilevazione condotta dall’Associazione Italiana Editori (AIE) su 27 editori universitari che hanno partecipato al “Censimento delle risorse digitali disponibili per le biblioteche degli atenei italiani”, con accessi da remoto per docenti e studenti: il panorama comprende ricche collezioni di libri e riviste digitali di singoli editori, di aggregatori e di piattaforme di prestito digitale (e-lending).

Misure a sostegno dei minori

 

Minori e didattica digitale sono al centro della discussione politica di questi giorni, ma non dimentichiamo che la vita delle bambine e dei bambini, delle ragazze e dei ragazzi non è fatta solo di apprendimento.

Un primo importante passo è stato fatto con la presentazione di un emendamento al DL Cura Italia da parte di Vanna Iori e Flavia Piccoli Nardelli con cui si stabilisce un’attenzione prioritaria all’introduzione di meccanismi di sostegno e accompagnamento per superare le conseguenze dei vissuti derivanti dall’emergenza epidemiologica da Covid19, favorendo il benessere emotivo delle bambine e dei bambini”, …

AgCult: prove tecniche di futuro. La cultura (ri)scopre le opportunità del digitale

“Dopo l’emergenza sanitaria, per il settore culturale sarà fondamentale non disperdere lo straordinario impulso al digitale emerso in queste settimane”, l’Agenzia giornalistica AgCult.it pubblica un articolo che offre interessanti suggestioni: “Era digitale] Prove tecniche di futuro. La cultura (ri)scopre le opportunità del digitale”.

Un argomento che continua ad affascinare studiosi ed esperti di varie discipline è se la presenza di vincoli e restrizioni sia un fattore capace di favorire la creatività e l’innovazione. In tempi non sospetti rispetto all’attuale emergenza sanitaria, un articolo apparso sulla Harvard Business Review affermava che quando le limitazioni rappresentano una sfida creativa sono capaci di motivare le persone a elaborare nuove idee. Al contrario, in assenza di vincoli al processo creativo, inizia il compiacimento e le persone seguono quello che gli psicologi chiamano “the path-of-least-resistance” – il percorso della minima resistenza, ossia scelgono di adottare l’idea più intuitiva che viene loro in mente piuttosto che investire nello sviluppo di idee migliori.

#Artyouready: il 29 marzo flashmob del patrimonio culturale

Il Ministero per i beni e per le attività culturali e per il turismo coinvolgerà domenica 29 marzo gli igers italiani che in questi anni hanno partecipato alle call promosse da diversi istituti statali in un grande evento digitale su Instagram.

Con gli hashtag #artyouready e #emptymuseum, le comunità igers, gli influencer, ma anche tutti i fotografi professionisti o amatoriali e, naturalmente i visitatori di tutte le generazioni, sono invitati a pubblicare per l’intera giornata le foto realizzate all’interno di musei, parchi archeologici, biblioteche e archivi d’Italia, dando preferenza a quelle prive di persone.

Anche il portale della canzone italiana per #iorestoacasa

Il portale della canzone italiana aderisce alla campagna “La cultura non si ferma”, promossa dal Ministero per i beni e le attività culturali e per il turismo con lo scopo di aggregare e far crescere l’offerta del patrimonio culturale fruibile da casa con un filmato https://youtu.be/07Smnqo9Plc sul canale youTube del Ministero, con l’hashtag #iorestoacasa.

Il portale della canzone italiana, nasce nel 2018, è una piattaforma online che raccoglie un secolo di musica e circa 200.000 canzoni in un unico catalogo, il più grande in Europa, grazie al prezioso lavoro dell’Istituto Centrale per i Beni Sonori e Audiovisivi del MiBACT.

Azzolina in Senato: l’anno scolastico è valido

In Senato si è svolta l’informativa della Ministra dell’istruzione, Lucia Azzolina, sulle iniziative concernenti la prosecuzione dell’anno scolastico in corso.

La Ministra ha confermato che l’anno scolastico sarà comunque valido per tutti, anche se non si raggiungeranno, come ormai sembra scontato, i 200 giorni di lezioni previsti dall’attuale normativa.

Question time: didattica a distanza

Flavia Piccoli Nardelli è intervenuta nel question time alla Camera dei deputati in replica all’intervento della Ministra dell’istruzione, Lucia Azzolina, che rispondeva all’interrogazione del Partito Democratico su come intendesse garantire, con urgenza, agli studenti meno abbienti i dispositivi digitali individuali loro necessari per l’apprendimento a distanza, tutelando così il diritto costituzionalmente garantito all’istruzione.

FLAVIA PICCOLI NARDELLI: ”In Italia per arginare l’epidemia di Coronavirus e il suo carattere particolarmente diffusivo, il governo ha varato misure restrittive estese all’intero territorio nazionale. 

Dal 5 marzo è stata sospesa l’attività scolastica ed è impossibile a breve prospettare la ripresa delle lezioni.

Dantedì: la prima edizione con letture social del Poeta

Coinvolti scuole, musei, biblioteche, luoghi di cultura e artisti.
Franceschini agli artisti: ”leggete Dante e condividetelo sui social”.
Azzolina: ”riscoprire Dante sarà un modo per restare uniti”.

Il 25 Marzo, data che gli studiosi individuano come inizio del viaggio ultraterreno della Divina Commedia, si celebrerà per la prima volta il Dantedì, la giornata dedicata a Dante Alighieri recentemente istituita dal Governo. Il sommo Poeta è il simbolo della cultura e della lingua italiana, ricordarlo insieme sarà un modo per unire ancora di più il Paese in questo momento difficile, condividendo versi dal fascino senza tempo.

L’appuntamento è per le 12 di mercoledì 25 marzo orario in cui siamo tutti chiamati a leggere Dante e a riscoprire i versi della Commedia. Il Ministero dell’Istruzione inviterà docenti e studenti a farlo durante le lezioni a distanza. Ma la richiesta è rivolta a ciascun cittadino. E le 12 saranno l’orario di punta: le celebrazioni, seppur a distanza, potranno proseguire durante tutta la giornata sui social, con pillole, letture in streaming, performance dedicate a Dante, con gli hashtag ufficiali #Dantedì e #IoleggoDante.