Le librerie indipendenti ai tempi dell’inflazione

SIL Confesercenti-SWG, librerie resistono, ma pesa l’inflazione, in aumento prezzi di copertina (+9%) e costi fissi (+20%).

Al Salone del Libro di Torino è stato presentato il dossier “Le librerie indipendenti ai tempi dell’inflazione”, sondaggio condotto da SWG per il Sindacato Italiano dei Librai di Confesercenti su oltre 300 librerie, non legate a catene nazionali, distribuite su tutto il territorio italiano.

«Malgrado gli aumenti e le difficoltà di questo periodo storico difficile – commenta la presidente SIL Cristina Giussani – i dati del sondaggio dimostrano che le librerie stanno resistendo e che stabilità è la parola che le contraddistingue. Questo ci rincuora. Altro dato interessante è che si sta intensificando il rapporto tra librerie ed editori indipendenti: ciò ci consente di creare un circuito virtuoso che andrà a vantaggio di entrambi.  Giudico molto positiva anche la scelta di molti librai di creare eventi: da sempre il SIL sostiene che organizzare incontri con gli autori, non solo rafforza il rapporto con i clienti abituali, ma contribuisce ad ottenerne di nuovi.  Infine, sono lieta che le richieste degli operatori, emerse dal dossier, siano le istanze per le quali ci stiamo battendo da anni, come sindacato, nelle sedi istituzionali (riportare il più possibile i clienti nelle librerie fisiche, agire per difendere i margini dei librai e limitare sconti e promozioni praticate da GDO e piattaforme online; agire per ridurre la fiscalità/i costi che pesano sulle librerie).  Lavoreremo non solo per sciogliere definitivamente queste questioni, ma anche per risolverne altre che, nel rapporto quotidiano con gli operatori, sono emerse ed emergeranno».

Italia protagonista a Parigi con Italissimo e Festival du Livre

L’Italia sarà protagonista a Parigi al Festival du Livre de Paris come Paese Ospite d’Onore, dal 21 al 23 aprile, e al Festival Italissimo, dal 17 al 23 aprile, con il programma congiunto di Passioni Italiane.

Sette giorni di incontri, lectio, dialoghi, mostre e spettacoli distribuiti in alcuni degli spazi più iconici della capitale francese, in un grande contenitore di parole, idee ed emozioni: Passioni Italiane. Con due percorsi paralleli: la partecipazione dell’Italia come Paese Ospite d’Onore al Festival du Livre de Paris (al Grand Palais Éphémère) e l’ottava edizione di ITALISSIMO, il Festival di letteratura e cultura italiane (dal 18 al 23 aprile in diversi luoghi della città). E oltre cinquanta ambasciatori speciali della creatività del nostro Paese: le scrittrici e gli scrittori. Invitati a presentare i loro libri più recenti e le traduzioni in arrivo sul mercato francofono, in una fotografia in movimento dell’editoria nazionale, tra narrativa e saggistica, letteratura di viaggio e per ragazzi, poesia, filosofia, storia, musica e molto altro.

Genova Capitale italiana del Libro 2023

Genova è stata proclamata Capitale italiana del Libro 2023 con la seguente motivazione: «Per l’ampiezza e l’organicità della sua proposta culturale la città di Genova è stata all’unanimità individuata come “Capitale Italiana del Libro 2023” pur in presenza di altri progetti qualitativamente elevati e meritevoli di attenzione. La scelta ha tenuto presenti i programmi di valorizzazione e integrazione tanto dell’articolato sistema bibliotecario del territorio comunale quanto, più in generale, delle collezioni e del patrimonio storico, artistico e letterario attraverso iniziative che vanno dalle visite virtuali delle strutture bibliotecarie alle mostre temporanee, dalle attività formative del corpo docente al coinvolgimento di giovani e anziani nei programmi di lettura. Sono state anche apprezzate iniziative già consolidate – dal Festival della Storia a quello della Scienza fino alle mostre dell’editoria e alle fiere del libro – che contribuiscono a rendere il libro anche strumento di crescita civile e di integrazione sociale. In particolare poi è stata apprezzata la capacità di “fare sistema” attraverso il ricorso ad energie pubbliche e private in grado di contribuire alla realizzazione di un programma idoneo a generare un ritorno per la città sia di immagine sia in termini economici».

Genova è la Capitale italiana del Libro 2023

Genova è la Capitale italiana del Libro 2023. A proclamarla, nel corso di una conferenza stampa che si è svolta a Roma, al Ministero della cultura, è stato il Ministro Gennaro Sangiuliano, con la seguente motivazione: «Per l’ampiezza e l’organicità della sua proposta culturale la città di Genova è stata all’unanimità individuata come “Capitale Italiana del Libro 2023” pur in presenza di altri progetti qualitativamente elevati e meritevoli di attenzione. La scelta ha tenuto presenti i programmi di valorizzazione e integrazione tanto dell’articolato sistema bibliotecario del territorio comunale quanto, più in generale, delle collezioni e del patrimonio storico, artistico e letterario attraverso iniziative che vanno dalle visite virtuali delle strutture bibliotecarie alle mostre temporanee, dalle attività formative del corpo docente al coinvolgimento di giovani e anziani nei programmi di lettura.

Approvato il “Patto per la lettura di Roma Capitale”

«In un momento così difficile, tra guerra, pandemia e crisi di governo, l’approvazione del Patto per la lettura di Roma Capitale, insieme all’ottimo lavoro che l’assessore alla Cultura Miguel Gotor sta portando avanti, rappresenta una buona notizia che ci dà speranza per il futuro. Era previsto dalla legge n.15 del 2020, a mia prima firma, con l’obiettivo di promuovere la lettura, diffonderla, provare ad arrivare a più ragazze e ragazzi possibili, perché si appassionino, si innamorino di quel gesto semplice eppure straordinario che è leggere un libro», ha dichiarato Flavia Piccoli Nardelli, della presidenza del Gruppo PD alla Camera.

La lettura per “fare rete” al Sud

Online la seconda edizione del bando “Biblioteche e Comunità”

Valorizzare il ruolo delle biblioteche comunali nel Sud Italia come luoghi di inclusione sociale e spazi di rigenerazione urbana. Con questo obiettivo prende il via la seconda edizione del Bando “Biblioteche e Comunità, promosso dalla Fondazione CON IL SUD con il Centro per il libro e la lettura, in collaborazione con l’Associazione Nazionale dei Comuni Italiani (ANCI). Fino a un milione di euro le risorse disponibili: 500 mila euro sono messi a disposizione dalla Fondazione CON IL SUD; gli altri 500 mila euro dal Centro per il libro e la lettura, a valere sul Fondo per la promozione del libro e della lettura.

Il Patto per la lettura di Roma Capitale

Il Comune di Roma ha pubblicato l’Avviso pubblico per la presentazione di manifestazioni di interesse finalizzate all’adesione al Patto locale per la lettura di Roma Capitale.

Con il Patto per la lettura, Roma Capitale si propone di creare una collaborazione permanente tra istituzioni, associazioni, enti di formazione, soggetti pubblici e privati che condividano l’importanza strategica della lettura e di partecipare al bando del Cepell “Città che legge” per il biennio 2022 -2023.

Ivrea Capitale del libro 2022: sia festa di tutti

(ANSA) – TORINO, 16 FEB – «Congratulazione a Ivrea, capitale del libro 2022. Viene premiato un territorio con una grande vocazione artistica e culturale. Un ringraziamento anche alle altre città finaliste per l’ottimo lavoro. Si consolida un progetto del Ministero della Cultura che sta dando grandi risultati», ha affermato in una nota, Flavia Piccoli Nardelli, della presidenza del Gruppo Pd alla Camera.

«Aumentare il numero dei lettori, coinvolgendo tutti gli attori della filiera – aggiunge – è l’obiettivo su cui si è lavorato con passione. Librerie, biblioteche, traduttori, editori, pubblico e privato sono attori di una gara virtuosa che aiuta il nostro Paese».