#lascuolanonsiferma

L’offerta didattica di Rai Cultura, Rai3, Rai Ragazzi e RaiPlay in collaborazione con il Ministero dell’Istruzione

In collaborazione con il Ministero dell’Istruzione, la Rai rinnova la propria offerta mettendo a disposizione di studenti e insegnanti un nuovo palinsesto dedicato alla scuola, un potenziamento della programmazione rivolto a tutte le fasce d’età degli studenti, frutto dell’accordo siglato dalla Ministra dell’Istruzione, Lucia Azzolina, e dall’Amministratore delegato della RAI, Fabrizio Salini, il 24 marzo scorso.

Un’offerta di intrattenimento ed elearning che, dal 17 aprile, avrà in Rai Cultura, attraverso Rai Scuola (canale 146 DT), Rai Storia (canale 54 DT), Rai 3, Rai 5 (canale 23 DT), Rai Gulp (canale 42 DT) e RaiPlay.it le sue “aule” aperte, con una vasta gamma di contenuti di qualità, sempre disponibili e fruibili attraverso la tv e disponibili on line per la didattica a distanza.

Un canale Rai sul digitale per aiutare i nostri ragazzi

Scuola a distanza, la proposta PD

«Un canale sul digitale terrestre interamente dedicato alla didattica con un palinsesto costituito da contenuti formativi prodotti dalla RAI, concordati e certificati con il ministero dell’istruzione, e realizzati con la collaborazione operativa dei docenti», scrive su ilRiformista la senatrice Valeria Fedeli, capogruppo Pd in Commissione di Vigilanza RAI, che presenta la proposta del Partito Democratico per «rafforzare la naturale alleanza pubblica tra ministero dell’Istruzione e la RAI».

VALERIA FEDELI: «L’irrompere del coronavirus nelle nostre vite, sconvolgendo abitudini e organizzazioni sociali così profondamente fondate sulla copresenza, ha reso evidente quanto i processi di innovazione digitale rappresentino un’opportunità decisiva, per il presente come per il futuro, a partire dalla scuola.

Coronavirus: AIE, “55 le piattaforme e 2milioni i contenuti digitali a supporto della didattica e ricerca universitaria italiana”

Sono ben 55 le piattaforme e circa 2milioni i contenuti digitali che l’editoria universitaria e professionale sta offrendo sul mercato per accompagnare la didattica e la ricerca universitaria in questo momento difficile. È quanto emerge dalla rilevazione condotta dall’Associazione Italiana Editori (AIE) su 27 editori universitari che hanno partecipato al “Censimento delle risorse digitali disponibili per le biblioteche degli atenei italiani”, con accessi da remoto per docenti e studenti: il panorama comprende ricche collezioni di libri e riviste digitali di singoli editori, di aggregatori e di piattaforme di prestito digitale (e-lending).

Legge sull’editoria, in gioco la cultura non il prezzo dei libri

La politica degli sconti favorisce solo i grandi gruppi. Il lavoro dell’editore e del libraio indipendente invece è quello di scoprire e promuovere la letteratura più coraggiosa, senza farsi condizionare unicamente dalla sua vendibilità

Il quotidiano “il manifesto” pubblica una lucida analisi di Ginevra Bompiani sulla legge per la promozione e il sostegno della lettura appena approvata dal parlamento. Una replica alle parole di Ricky Levi, Presidente dell’Aie.

Approvata la legge per la promozione della lettura

Il 5 febbraio è stata approvata dal Senato all’unanimità la legge, che mi vede prima firmataria, sulle “Disposizioni per la promozione e il sostegno della lettura“.

La legge, nata come proposta del Partito Democratico, ha potuto avvalersi del sostegno di tutti i gruppi parlamentari che ne hanno condiviso impostazione e finalità, grazie anche al lavoro dei relatori Alessandra Carbonaro alla Camera e Francesco Verducci al Senato.

Si tratta della prima legge in favore della lettura approvata nel nostro Paese ed entrerà in vigore al momento della pubblicazione in Gazzetta Ufficiale.

RaiRadio1, Centocittà: “libri, la nuova legge divide”

Flavia Piccoli Nardelli è intervenuta a Centocittà, programma radiofonico di RaiRadio1, per illustrare la legge per la promozione del libro e della lettura appena approvata dal Senato.

Ascolta RaiRadio1 Centocittà “Libri, la nuova legge divide”

Al dibattito sono intervenuti:

Flavia Piccoli Nardelli, capogruppo pd Commissione cultura alla Camera

Ricardo Franco Levi, presidente Aie – Associazione Italiana Editori

Paolo Ambrosini, presidente Ali – Associazione Librai Italiani

Matteo Perin, titolare Ca’libro di Torino

Arch. Giuseppe Lombardo, presidente di Messinaservizi

Marco Franzoni, sindaco di Cerea (Verona)