Un anno di legge per la promozione della lettura

Flavia Piccoli Nardelli dopo esattamente un anno dall’entrata in vigore della Legge per la promozione del libro e della lettura, lo scorso 25 marzo 2020, ha rilasciato all’ADEI-Associazione degli Editori Indipendenti una breve dichiarazione di piena soddisfazione sull’operato della legge, un testo «condiviso che ha dato risultati positivi, pur nelle difficoltà della pandemia, riconoscendo il ruolo fondamentale che i libri hanno svolto e svolgono»

Un anno di Legge per il Libro e la Lettura

Settantacinque milioni in più per la filiera editoriale grazie alla Legge entrata in vigore un anno fa

Roma – Il 25 marzo 2021 è un anniversario assai importante per il mondo del libro. Il 5 febbraio 2020 il Senato approvò, pressoché all’unanimità, la nuova Legge per la Promozione del Libro e della lettura, prima firmataria Flavia Piccoli Nardelli, assieme ai rappresentanti di tutti i partiti politici. E il 25 marzo 2020 quella Legge è entrata in vigore, quasi contemporaneamente alla tragedia della pandemia.

Un anno dalla legge per la promozione lettura

Libri, Piccoli Nardelli (PD): un anno legge promozione lettura, risultati positivi

(9Colonne) Roma, 25 mar – «La legge per la promozione della lettura compie oggi un anno, approvata esattamente il 25 marzo del 2020. È stato un anno difficile, un anno di pandemia, un anno terribile, difficilissimo. Quando la presentammo per la prima volta, a mia prima firma, era una proposta dell’opposizione ma in breve tempo divenne una legge sostenuta da tutto il Parlamento ed ebbe come relatrice un’altra donna, Alessandra Carbonaro. Riuscimmo a superare i primi dubbi anche grazie al sostegno di una realtà trasversale fatta da bibliotecari, librai ed editori grandi e piccoli», dichiara Flavia Piccoli Nardelli, capogruppo Pd in commissione Cultura della Camera.

Atletica: alla Camera risoluzione unitaria per Schwazer alle Olimpiadi

Roma, 24 mar. (Adnkronos) – «Tutte le forze politiche hanno sottoscritto una risoluzione in Commissione Cultura, Istruzione, Sport alla Camera per invitare il governo e il Coni ad attivarsi presso gli organi sportivi internazionali competenti affinché il marciatore Alex Schwazer possa partecipare alle Olimpiadi di Tokyo, alla luce di quanto emerso in sede giudiziaria. Il documento verrà posto in discussione e votato quindi all’unanimità nella prossima seduta, in programma martedì 30 marzo», affermano in una nota i capigruppo della Commissione Cultura, Istruzione, Sport alla Camera.

Scuola: Pd, valutare apertura per i più piccoli in zona rossa

(ANSA) – ROMA, 22 MAR – «Constatiamo con preoccupazione che da qualche settimana, oltre agli altri istituti serrati fin dalla prima fase della pandemia, sono chiusi anche asili e scuole dell’infanzia. Crediamo sia importante diversificare le prossime e necessarie aperture non solo per zone e colori ma anche per fasce d’età, valutando con attenzione se anche nelle zone rosse sia possibile procedere con l’attività almeno di asili nido, scuole d’infanzia e primarie…

PNRR: bene l’audizione di Franceschini

«Dobbiamo recuperare l’autonomia della cultura rispetto al turismo, soprattutto là dove si parla di impatto sociale positivo su ambiti quali salute, istruzione e rigenerazione urbana», ha affermato Flavia Piccoli Nardelli nel suo intervento a seguito dell’audizione del Ministro della Cultura, Dario Franceschini, sulle linee programmatiche del suo dicastero anche in relazione ai contenuti della Proposta di Piano nazionale di ripresa e resilienza, svoltasi davanti alle Commissioni Cultura riunite di Camera e Senato.